La procedura di domanda di autorizzazione ESTA nel dettaglio

Valutazione: 4.05 42 voti
La procedura di domanda di autorizzazione ESTA nel dettaglio

Oggi esiste una procedura semplificata che permette di ottenere un’autorizzazione al viaggio negli Stati Uniti. Questa procedura si chiama ESTA. Ma che cos’è esattamente la procedura ESTA? Come effettuarla rapidamente e facilmente per preparare con tutta calma il futuro viaggio? È quanto vi proponiamo di scoprire qui nel dettaglio grazie a delle spiegazioni e dei consigli per evitare errori o rifiuti.

 

La procedura ESTA: che cos’è?

Viene chiamata “procedura ESTA” la pratica da svolgere per ottenere un’autorizzazione al viaggio sul suolo statunitense. La sigla ESTA è l’acronimo inglese per “Electronic System for Travel Autorisation” ovvero, in italiano, “Sistema Elettronico di Autorizzazione al Viaggio”. 

In poche parole, l’autorizzazione ESTA è una forma alleggerita e semplificata, in quanto in forma elettronica, della domanda di visto tradizionale. Questa pratica deve essere svolta, almeno 72 ore prima del giorno della partenza, se si desidera recarsi negli USA per vacanza o per un soggiorno professionale.

 

A cosa serva la procedura ESTA?

Come abbiamo appena detto, la procedura ESTA è stata creata nel 2009 allo scopo di semplificare le domande di autorizzazione al viaggio negli Stati Uniti. Prima di questa data era necessario fare una domanda di visto presso un’ambasciata statunitense in Italia. Ma oggi basta recarsi su un sito come il nostro che propone di riempire online un semplice modulo in italiano.

Effettuando questa procedura ESTA via Internet, guadagnate così del tempo e le autorità statunitensi possono risparmiarne anch’esse e conservare inoltre una traccia informatica della richiesta. E questo perché, una volta ottenuta, l’autorizzazione ESTA sarà valida per due anni per i successivi viaggi negli Stati Uniti.

 

Come svolgere la procedura ESTA?

Prima di tutto bisogna munirsi del proprio passaporto biometrico o elettronico in corso di validità. Il passaporto dovrà essere quello che si utilizzerà al momento del viaggio. Cominciate poi a compilare il modulo indicando ovviamente l’identità e rispondendo, con semplicità e onestamente, alle domande che vengono poste. Viene richiesto in particolare se si sono subite delle condanne per reati o crimini e le ragioni del viaggio negli USA.

Se non si dispone di tutte le informazioni richieste al momento del riempimento del modulo, lo si può salvare e tornare a completarlo successivamente. Bisogna fare attenzione a conservare il numero della pratica che verrà richiesto al momento della connessione successiva.

Una volta inserite le informazioni richieste e convalidata la domanda, dovrete saldare le spese amministrative da pagarsi tramite carta bancaria. Le autorità statunitensi potranno quindi valutare la domanda e invieranno una risposta per e-mail entro un termine massimo di 72 ore.

La procedura ESTA si ferma qui per quanto vi riguarda perché non avete nessun’altra pratica da svolgere. Gli agenti doganali saranno infatti informati per via informatica della vostra autorizzazione al viaggio al momento del vostro passaggio alla frontiera.

 

La procedura di autorizzazione ESTA è obbligatoria per viaggiare negli Stati Uniti?

Abbiamo appena spiegato nel dettaglio in cosa consiste la procedura di autorizzazione ESTA per gli USA ma forse vi chiederete se questa procedura sia obbligatoria e se sia indispensabile svolgere tale pratica per viaggiare negli USA. La risposta a questa domanda è ovviamente affermativa visto che non potrete recarvi sul suolo statunitense senza autorizzazione al viaggio.

Vi sarà infatti impossibile perfino imbarcarvi per gli Stati Uniti, anche per un semplice transito, se non disponete di una tale autorizzazione visto che il primo controllo viene effettuato ancora prima dell’imbarco a bordo dell’aereo. Se al momento della presentazione del passaporto non vi è nessuna autorizzazione ESTA menzionata e non avete neppure un visto, gli agenti della sicurezza vi proibiranno molto semplicemente di imbarcarvi sull’apparecchio e non potrete quindi portare a termine il vostro viaggio verso gli USA.

Ovviamente avete sempre la possibilità di non inoltrare una domanda di autorizzazione ESTA se siete già in possesso di un visto classico per gli Stati Uniti ma la domanda di visto è una procedura ancora più lunga, costosa e fastidiosa e non è necessariamente una buona scelta se volete preparare il vostro viaggio con semplicità.

Se siete cittadini di uno dei paesi membri del dispositivo ESTA e il vostro soggiorno negli Stati Uniti è inferiore a 90 giorni dovete obbligatoriamente effettuare le pratiche amministrative che permettono l’ingresso in territorio statunitense ovvero una domanda di autorizzazione ESTA online.

Non dimenticate che l’autorizzazione al viaggio ESTA presenta un sicuro vantaggio: sarà valida due anni a contare dal suo ottenimento il che vi eviterà di dover inoltrare una nuova procedura in occasione dei vostri prossimi viaggi che si dovessero svolgere in questo lasso di tempo.

 

Che fare se non si rientra nell’esenzione dal visto?

Se non rientrate nel programma di esenzione dal visto ESTA, perché non provenite da uno dei paesi membri del programma, perché non disponete di un passaporto adeguato (a lettura elettronica o biometrica) oppure perché il vostro soggiorno non corrisponde alle condizioni di durata o di obiettivi fissati dal dispositivo, potete comunque, in certi casi, realizzare il vostro viaggio negli Stati Uniti. 

Dovrete infatti inoltrare una domanda di visto proprio come facevano tutti i viaggiatori prima della creazione dell’ESTA. Per farlo bisogna prima di tutto recarsi presso l’ambasciata statunitense del vostro paese di residenza e ritirare un modulo di richiesta di visto. Il modulo dovrà essere completato con cura allegando diversi documenti giustificativi quali le foto d’identità, un giustificativo di domicilio ed altri documenti legali.

Dovrete anche coprire i costi della domanda di visto che ammontano a 130€ ma possono salire fino a 230€ secondo i casi. Una volta completato il dossier, questo verrà studiato e verificato dalle competenti autorità statunitensi che decideranno se potete o meno entrare in territorio statunitense. Questo studio può richiedere alcune settimane, a differenza del dispositivo ESTA che non richiede più di alcune ore, il che implica che dovete badare ad inoltrare la domanda con sufficiente anticipo per poter gestire correttamente il vostro viaggio negli USA.

Tuttavia se il visto vi viene rifiutato non esistono altre soluzioni che vi permettano di ottenere un’autorizzazione al viaggio per gli Stati Uniti e dovrete annullare il vostro viaggio.

Fare la propria domanda ESTA