Bisogna chiedere un’autorizzazione ESTA per transitare negli Stati Uniti?

Valutazione: 3.67 6 voti
Bisogna chiedere un’autorizzazione ESTA per transitare negli Stati Uniti?

La risposta alla domanda "É necessario un ESTA per transitare negli Stati Uniti?" è "si". Infatti, nel momento in cui si mette piede sul suolo statunitense si ha l'obbligo di essere in possesso di un'autorizzazione di viaggio ufficiale anche se si tratta di un semplice scalo di qualche ora o qualche minuto. Esattamente come per un soggiorno negli Stati Uniti, si devono quindi svolgere, almeno 72 ore prima della partenza, le pratiche amministrative per ottenere il proprio ESTA.

 

Perché l'ESTA è obbligatorio per un transito negli Stati Uniti?

Qualora ci si limiti a transitare per un aeroporto statunitense per recarsi in un altro paese, il più delle volte si deve cambiare aereo e quindi passare da quella che viene chiamata "zona di transito". Ma, prima di accedere a questa zona, bisogna comunque sottoporsi al controllo dei documenti e superare le verifiche doganali come se si trattasse della destinazione finale. Si potrà poi prendere il volo successivo.

Analogamente, nel caso si viaggi da una città USA ad un'altra, le compagnie aeree richiederanno di essere in possesso di una propria autorizzazione ESTA valida. Va anche notato che l'ESTA non riguarda unicamente i viaggi in aereo verso gli Stati Uniti ma anche gli altri mezzi di trasporto come la nave.

 

Come fare una domanda di ESTA per un transito negli Stati Uniti?

La pratica amministrativa per ottenere un ESTA per un transito negli Stati Uniti è la stessa che si fa in caso di soggiorno, nel senso che è necessario recarsi su un sito come il nostro per compilare il modulo di domanda. Bisognerà comunque fare attenzione ad indicare "Transito" nel campo riservato al proprio indirizzo negli Stati Uniti. Il costo della domanda ESTA per transito è lo stesso che per una domanda di autorizzazione di soggiorno.

Tanto quanto per l'ESTA tradizionale bisogna pensare a munirsi del proprio passaporto biometrico o elettronico in corso di validità. Una volta ottenuto il proprio ESTA e sebbene ciò non sia obbligatorio, è consigliabile stamparne una copia da portare con sé durante il viaggio.

 

Come transitare negli Stati Uniti senza ESTA?

Se per una ragione qualsiasi la domanda di ESTA è stata rifiutata o non è stato possibile farla, bisognerà comunque svolgere delle pratiche amministrative per transitare negli Stati Uniti. É possibile ripetere la domanda passati almeno 10 giorni dalla prima o, se necessario, fare una domanda di visto recandosi presso un'ambasciata statunitense in Italia.

 

Si può utilizzare un ESTA precedentemente ottenuto?

Se si è già fatto un viaggio negli USA, si è certamente ottenuta un'autorizzazione ESTA. Se quest'ultima ha meno di due anni è possibile utilizzarla per il proprio transito negli Stati Uniti. Ovviamente le informazioni fornite in precedenza non devono aver subito variazioni perché il proprio ESTA sia valido per il nuovo viaggio.

 

Qual è la differenza tra un’autorizzazione ESTA per soggiornare negli Stati Uniti ed una per transitare?

Se fate un viaggio che prevede un transito per gli Stati Uniti dovete procurarvi un’autorizzazione ESTA, che sarà assolutamente identica a quella per un soggiorno classico. Anche se dovrete indicare al momento del viaggio che si tratta di uno scalo indicando la destinazione finale, l’autorizzazione vi permette ugualmente di restare negli USA per un massimo di 90 giorni.

Questo è un vero vantaggio perché potrete utilizzare la stessa autorizzazione anche per altri viaggi negli USA nel corso dei due anni che seguiranno l’ottenimento dell’autorizzazione. L’autorizzazione di soggiorno o transito, infatti, sarà automaticamente collegata al numero del vostro passaporto per tutto il periodo. Ovviamente per riutilizzare la propria autorizzazione ESTA è indispensabile rispettare le condizioni di durata del soggiorno per un massimo di 3 mesi e badare a che nessuna informazione importante che vi concerne sia cambiata tra il momento della richiesta e quello del viaggio.

Allo stesso modo il numero del vostro passaporto deve essere identico.

 

Si può uscire dall’aeroporto con un’autorizzazione ESTA in occasione di uno scalo negli Stati Uniti?

Un’altra domanda che molto viaggiatori si pongono quando il loro viaggio prevede uno scalo più o meno lungo negli Stati Uniti è se hanno la possibilità di approfittare di questa attesa per fare un po’ di turismo. Gli scali, infatti, a differenza dei transiti, sono spesso lunghi e permettono di vedere un po’ il paese prima di imbarcarsi per la destinazione finale del viaggio.

Grazie all’autorizzazione ESTA, ottenuta per effettuare il transito, potrete effettivamente uscire dall’aeroporto per visitare un po’ i dintorni. Ma attenzione! Dovrete comunque passare il controllo di frontiera al momento dello sbarco e prima di arrivare alle porte di uscita dell’aeroporto. Questa procedura può richiedere del tempo, fino a qualche ora nei momenti di maggiore affluenza, perciò cercate di prevedere un tempo adeguato per poter effettivamente approfittare del tempo passato in loco.

L’ESTA è una vera e propria autorizzazione di soggiorno che funziona anche per un ingresso di poche ore e sarebbe quindi un peccato non approfittarne per scoprire, per la durata dello scalo, un po’ di questo formidabile paese che sono gli Stati Uniti e la loro cultura leggendaria, soprattutto se il vostro scalo ha luogo a New York.

Fare la propria domanda ESTA