Cosa fare se l’autorizzazione ESTA scade durante il viaggio

Valutazione: 4.08 48 voti
Cosa fare se l’autorizzazione ESTA scade durante il viaggio

Avete in programma di recarvi prossimamente negli Stati Uniti utilizzando un’autorizzazione ESTA precedentemente ottenuta ma che scade prima della fine del vostro soggiorno e volete sapere quali sono le pratiche specifiche da svolgere in un caso del genere? Sappiate che il fatto che la vostra ESTA scade durante il viaggio non porrà alcun problema ma in certi casi sarà necessario fare una nuova domanda di autorizzazione online. Ecco alcune spiegazioni al riguardo.

 

Bisogna effettuare una nuova domanda di ESTA se quella corrente scade durante il viaggio?

L’autorizzazione ESTA è valida, per soggiorni di durata inferiore a 90 giorni e per un periodo di due anni dalla data di rilascio da parte delle autorità statunitensi. Nel caso in cui l’ESTA arrivi a scadenza prima della fine del soggiorno ma sia valida alla data di partenza, non c’è alcuna necessità di effettuare una nuova domanda.

È ovviamente indispensabile che la data di partenza sia inclusa nel periodo di validità dell’autorizzazione e che si possa menzionare una data di ritorno che non vada oltre i 90 giorni dalla data di partenza. Il passaporto deve invece essere valido per l’intera durata del soggiorno, data di rientro inclusa.

 

In quale caso è necessario effettuare una nuova domanda di ESTA?

Sebbene l’autorizzazione ESTA possa essere utilizzata per effettuare vari viaggi negli Stati Uniti nell’arco di due anni persino se scade durante il viaggio, ci sono alcuni casi particolari che renderanno necessario effettuare una nuova domanda online. In particolare:

  • Il cambiamento di nome o di genere del viaggiatore o qualunque cambiamento relativo alla sua identità.
  • Il cambiamento di indirizzo del viaggiatore.
  • Il cambiamento di passaporto. Si verifichi con cura che il numero di passaporto menzionato al momento della prima domanda corrisponda a quello del passaporto attuale.
  • Il cambiamento di risposta ad una o più domande poste nel modulo.

Per essere chiari, tutte le informazioni che sono state comunicate al momento della prima domanda di ESTA devono continuare ad essere valide al momento del soggiorno. In caso contrario, l’imbarco potrebbe essere rifiutato.

 

Come effettuare una nuova domanda di ESTA?

Se rientrate in una delle casistiche sopracitate, dovete effettuare una nuova domanda di ESTA online per essere sicuri di portare a buon fine il vostro viaggio negli USA. Per farlo, basta andare su un sito come il nostro ed accedere al modulo appositamente predisposto avendo cura di munirsi del proprio passaporto elettronico o biometrico in corso di validità.

Una volta compilato il questionario, per validarlo sarà necessario pagare le spese di trattamento e di trasmissione della pratica alle autorità statunitensi.

Entro 72 al massimo, riceverete una risposta per e-mail.

 

L’ESTA si rinnova automaticamente alla scadenza?

Alcuni viaggiatori pensano, a torto, che l’autorizzazione ESTA si rinnovi automaticamente alla scadenza del suo periodo di validità di due anni. In realtà questa procedura non avviene automaticamente e del resto non verrete avvisati quando la vostra autorizzazione arriverà al termine. Perciò dovete prendere le cose in mano se desiderate effettuare un nuovo viaggio negli Stati Uniti dopo che la vostra ESTA precedente è scaduta.

Per farlo dovete ovviamente conoscere la data di scadenza della vostra autorizzazione attuale e per questo esistono diverse astuzie. Se avete pensato a stampare l’ESTA o avete richiesto una versione cartacea di quest’ultima tramite un fornitore di servizi che offre l’invio per posta come quello che raccomandiamo in questo sito, troverete facilmente la data di concessione della precedente autorizzazione e, quindi, la sua scadenza. Ma se non è così, dovrete ritrovare la mail che vi è stata inviata al momento della precedente domanda. Potete effettuare una ricerca nella vostra posta ricevuta, se non avete archiviato il messaggio, inserendo la parola chiave “ESTA”.

Se avete conservato i vostri dati di accesso al momento della vostra prima iscrizione, potrete comunque accedere allo stato della vostra ESTA attuale online recandovi nel sito in cui avete inoltrato la domanda o nel sito del governo statunitense.

Se la vostra ESTA è veramente scaduta o scade prima della data di partenza del vostro viaggio, non vi rimane altro da fare che inoltrare una nuova domanda riprendendo la procedura dal principio. Dovrete perciò rispondere di nuovo a tutte le domande che si trovano nel modulo online. È ugualmente importante notare che anche se avete ottenuto tale autorizzazione in passato, rimane comunque possibile che questa nuova domanda venga rifiutata, in particolare se alcuni punti importanti della vostra situazione sono cambiati.

Se non avete bisogno di inoltrare una nuova domanda di ESTA per questo nuovo viaggio e la vostra precedente autorizzazione non è scaduta, badate comunque a verificare che la vostra situazione non sia cambiata e che le informazioni che avete inserito all’epoca siano sempre esatte. In caso contrario, come abbiamo indicato sopra, dovrete modificare, quando possibile, le informazioni che sono cambiate o rifare una domanda completa riempiendo di nuovo il modulo di richiesta online.

 

Il caso particolare dei transiti o degli scali negli Stati Uniti

Prendiamoci ora il tempo di affrontare il caso specifico dei transiti o degli scali negli USA. È infatti indispensabile avere un’ESTA valida anche per un brevissimo passaggio sul suolo statunitense, anche se non si prevede di uscire dall’aeroporto in occasione dello scalo. Il che ci conduce a porci delle domande sulla validità dell’ESTA al momento del transito o dello scalo di andata e del transito e dello scalo di ritorno.

Immaginiamo infatti che l’ESTA sia valida in occasione del viaggio di andata che transita per gli Stati Uniti ma che sia scaduta prima del ritorno. Abbiamo già visto che la validità dell’ESTA per un semplice soggiorno inferiore ai 90 giorni negli Stati Uniti era importante soltanto per la data di ingresso nel territorio ovvero la data del viaggio di andata. Ma nel caso di un transito ogni viaggio, andata o ritorno che sia, viene considerato come un ingresso e un’uscita dal territorio statunitense, perciò la data dello scalo o del transito effettuato in occasione del vostro viaggio di ritorno è considerata come una data di inizio di un soggiorno negli USA. Logicamente è perciò necessario che la vostra ESTA sia sempre valida in quel momento.

Se non è questo il caso e la vostra autorizzazione ESTA scade durante il vostro soggiorno, dovrete quindi inoltrare una nuova domanda per disporre di un’autorizzazione valida sia al momento dell’andata che del ritorno. Per farlo esistono due possibilità. La prima consiste nell’inoltrare l’ESTA durante il soggiorno ovvero tra la data del viaggio di andata e quella del ritorno ma dovrete in questo caso assicurarvi di disporre del tempo e dei mezzi logistici per farlo. La seconda opzione consiste nell’effettuare il rinnovo dell’ESTA prima della data di partenza. In questo modo la nuova ESTA ottenuta coprirà sia il vostro transito all’andata che quello al ritorno eccezion fatta per i rari casi di viaggi che durano più di due anni. Questa soluzione sembra più vantaggiosa perché permette di viaggiare tranquilli senza doversi preoccupare di pratiche amministrative durante il soggiorno e garantisce di potersi imbarcare per i due scali e transiti negli USA senza complicazioni.

Fare la propria domanda ESTA